Contributi 
Scientifici

In questa sezione, abbiamo raccolto alcune letture e/o estratti

di congressi con temi e argomenti trattati nelle diverse sezioni.

Acne

Acne in the first three decades of life
L'acne può sorgere a qualsiasi età con differenti modalità e differenti possibilità di gestione. Occorre quindi diagnosticare sulla base del caso specifico di ogni paziente, e trovare per lui la terapia più adatta alle sue esigenze.

vai all'articolo

2

Cheratosi Attinica

The effects of four approaches to treat actinic keratosis
Nella maggior parte dei pazienti, l'AK e i suoi trattamenti hanno un impatto limitato sui punteggi HRQOL, un miglioramento sostanziale può essere apportato, soprattutto nei pazienti con moderate e severe situazioni di AK. La maggior parte dei pazienti con AK sperimenta pochi problemi emotivi e funzionali legati alla pelle.

vai all'articolo

3

Malattie rare

Inclusion and equity in educational services for children with rare diseases. Challenges and opportunities
L’importanza e le modalità di inclusione sociale dei bambini affetti da malattie rare nella scuola. Il trend educativo attuale prevede l’inclusione dei bambini con malattie croniche nei programmi tradizionali di studio: l’obiettivo è normalizzare le vite di questi bambini ed evitare che vengano ostracizzati a causa delle loro condizioni di salute. L’offerta di un’educazione appropriata è da valutare in base al caso specifico di ogni bambino, secondo le sue condizioni di salute, il livello di consapevolezza della famiglia, la disponibilità di risorse e di impegno della scuola e dei servizi sanitari. 

vai all'articolo

4

Porfirie

Calidad de la vida y salud percibida en pacientes.
Questo studio evidenzia come i pazienti affetti da porfiria notino un abbassamento e deterioramento della loro qualità di vita, specialmente per quanto riguarda la forma fisica e il dolore, a seguito degli attacchi di porfiria.

vai all'articolo

Porphyria attacks in prepubertal children and adolescents
Lo studio analizza gli attacchi di porfiria prima della pubertà e riscontra che essi sono rari; evidenzia anche una distinzione degli attacchi sulla base del sesso (maggiore incidenza dei maschi); compara i casi adolescenziali a quelli in età adulta in molti aspetti. 

vai all'articolo

Porphyria
Questo studio elenca le principali classificazioni di porfiria: epatica ed eritopoietica. Inoltre, delucida sulla presenza di altre due condizioni spesso confuse con la porfiria: la porfirinuria secondaria e la pseudoporfiria. 

vai all'articolo

Porphyrias – a clinically based approach
A causa della loro eterogeneità clinica e complessità patologica, le porfirie presentano una difficoltà dal punto di vista diagnostico. Questo studio offre un approccio per la comprensione e il trattamento di questo disturbo. I medici devono quindi conoscere a fondo tale patologia ed offrire ai pazienti la migliore terapia per il loro specifico caso. 

vai all'articolo

Fotosensibilità

Latest evidence regarding the effects of photosensitive drugs on the skin
La fotosensibilità provocata dall'utilizzo di alcuni farmaci è un problema diffuso ampiamente, ed è da considerare in maniera importante quando si consiglia una terapia. Il trattamento diretto alla cura di una determinata patologia potrebbe portare a rivolgimenti di questo genere, quindi è necessario che il medico studi il caso specifico di un paziente per capire quale terapia è la migliore.

vai all'articolo

Reazione di ipersensibilità ai farmaci antiinfiammatori non steroidei
La gente utilizza con estrema fiducia gli antinfiammatori non steroidei e il paracetamolo, seppur talvolta questi possano provocare delle reazioni di ipersensibilità. Attualmente in Europa non c’è un protocollo allergologico per diagnosticare le reazioni a tali farmaci: andrebbe, quindi, definito un work up allergologico valido per tutti, che aiuti i medici nella diagnosi dell’ipersensibilità da farmaco. 

vai all'articolo

6

Melanoma

Age and sex differences for malignant melanoma in the pediatric population
Per quanto riguarda il melanoma in età pediatrica, esistono delle differenze di età e di sesso, che possono rappresentare delle diversità di patogenesi nel bambino e nell’adolescente. 

vai all'articolo

7

Psoriasi

American academy of dermatology and national psoriasis foundation guidelines of care for the management and treatment of psoriasis
Linee guida offerte dall’accademia americana di dermatologia e dalla Fondazione nazionale psoriasis per la gestione e il trattamento della psoriasi, comprendenti terapie farmacologiche e topiche. L’importanza viene posta anche sulle preferenze del paziente, colui che deve ricevere le terapie e seguirle nel tempo. 

vai all'articolo

Psoriasis de l’enfant vu en milieu liberal: les aspects cliniques et epidemiologiques different des donnees habituellement publiees
questo studio presenta dati insoliti, come la rarità delle visite pediatriche per la psoriasi in studi medici privati, l'alta frequenza della psoriasi del cuoio capelluto e la rarità dell'artrite psoriasica e della psoriasi delle unghie nell'infanzia. inoltre, questo studio conferma l'associazione tra il sovrappeso e la gravità della psoriasi nell'infanzia.

vai all'articolo

Proactive treatment in childhood psoriasis
Nella gestione della psoriasi pediatrica è necessario avere un atteggiamento proattivo: esso limita le possibilità di flare-ups e migliora la qualità della vita dei pazienti. In sostanza, questo atteggiamento aiuta la terapia perché ne mantiene gli effetti a lungo termine, tenendo conto di tutto ciò che circonda il paziente.

vai all'articolo

8

Dermatite Atopica

Age-specific changes in the molecular phenotype of patients with moderate-severe AD
Lo studio valuta le differenze sulla base dell’età di pazienti adulti affetti da AD a livelli moderati e gravi. 

vai all'articolo

Association of itch triggers with AD severity and course in adults
La dermatite atopica, specialmente quella moderata-grave, è fortemente associata al prurito insistente, il quale influisce sul corso e sulla criticità della malattia stessa. Altri fattori scatenanti possono concorrere in un paziente: stress, cambiamento climatico, temperature fredde o calde, sudore, capelli secchi. Gli studi futuri dovranno determinare il preciso meccanismo e la migliore terapia per i differenti tipi di prurito associati alla AD. 

vai all'articolo

AD – aiming for total disease control
Obiettivo primario dei medici è quello di raggiungere il controllo e il monitoraggio completo della AD, dei suoi sintomi e dei rischi annessi a questa patologia, come allergie alimentari e asma. Le ricerche più recenti vanno nella direzione della prevenzione della AD e degli effetti delle disfunzioni correlate. 

vai all'articolo

AD endotypes and implications    
Gli studi più recenti dimostrano che la DA è un disturbo molto complesso e vario, in dipendenza da sottotipi/fenotipi basati su età, sesso, etnia, livello di criticità di ciascun paziente. Questa eterogeneità comporta una gestione terapeutica diversa dalla solita terapia che “va bene per tutti”. Occorre al contrario una terapia mirata per ciascun paziente e ciascuna situazione di dermatite atopica.

vai all'articolo

Complex interactions in AD pathogenesis
L’interazione tra le disfunzioni della barriera epidermica, la disbiosi e la disregolazione immunitaria è un fattore cruciale nella patogenesi della AD. 

vai all'articolo

Emerging systemic therapeutic biologics and small molecules for AD
Questo studio espone alcune terapie emergenti per la cura della AD e fornisce una possibilità di approccio alla terapia migliore per i pazienti atopici. A partire dal nuovo farmaco biologico dupilumab, la ricerca è giunta a molteplici farmaci biologici, considerati ora sicuri ed efficenti per i trattamenti della AD. 

vai all'articolo

Filaggrin loss-of-fuction mutations, AD and risk of AK
Lo studio indica che vi è una predisposizione a sviluppare la AK in soggetti che dimostrano mutazioni della filaggrina e in pazienti atopici o psoriasici. 

vai all'articolo

Pharmacist recommendations regarding topical steroid use may contradict the standard of care in AD
I consigli dei farmacisti riguardo l'uso di farmaci topici steroidei contrastano la cura standard della dermatite atopica. I farmacisti si sentono poco sicuri a consigliare l'utilizzo di farmaci topici steroidei perché non sono sicuri dei loro effetti: al massimo, lo consigliano ma raccomandano una limitazione nel loro utilizzo. La contraddizione tra i consigli dei medici e dei farmacisti rafforza la paura già presente tra i pazienti per i farmaci topici steroidei (1 su 2 pazienti ne ha paura). E questa diffidenza è uno dei motivi principali della maggior parte dei fallimenti dei trattamenti terapeutici della dermatite atopica.  

vai all'articolo

Sleep disorders and AD
Lo studio espone gli effetti dei disturbi del sonno in pazienti affetti da AD, considerando anche la possibilità di esacerbazione della malattia stessa a causa della mancanza di sonno (relazione bidirezionale). Suggerisce di considerare i disturbi del sonno come una comorbilità della AD, per cui offrire dei trattamenti specifici. 

vai all'articolo

Sleep disturbances and AD
Il 50% di bambini con AD manifestano disturbi del sonno, a causa del forte prurito causato dall’infiammazione cutanea: indicano il prurito come il sintomo più fastidioso della malattia. Lo studio offre diversi strumenti per controllare e ridurre la sensazione di prurito durante la notte. 

vai all'articolo

The asian AD phenotype combines features of ad and pso
Questo studio riconosce la AD asiatica come un unico fenotipo immune, che combina caratteristiche atopiche e psoriasiche: per questo motivo, è un tipo che richiede specifici test clinici e specifici trattamenti. 

vai all'articolo

The impact of burn wound cooling on chosen parameters of burns in children
Lo studio ha confrontato le condizioni di bambini le cui ustioni venivano subito raffreddate, e bambini che non hanno ricevuto questo trattamento (o l’hanno ricevuto erroneamente). Questi ultimi spesso hanno richiesto un trattamento chirurgico e soffrivano più frequentemente di ustioni a tutto spessore, da trattare in periodi di degenza ospedaliera più lunghi. La conoscenza del primo soccorso diventa quindi di importanza cruciale sia per il personale medico, sia per i genitori e gli operatori scolastici, poiché in questo modo si otterrebbero migliori risultati in casi di ustioni. 

vai all'articolo